'Ma vi giuro che quando vi ho visti insieme a ridere, scherzare, giocare e baciarvi, quella sera al falò, mi sono detta: 'quei due non si lasceranno mai'.'

Me l’ha detto una ragazza che ci ha visti la sera del 14 Agosto, non sapevo se la cosa mi rendesse più felice, per ciò che sembravamo, o triste, per ciò che ormai non siamo.

Oggi a pranzo non avevo molta fame, così, ho lasciato praticamente tre quarti del panino.

Mia madre che mi guarda stranita e fa ‘Sara, non sembra neanche il tuo compleanno, che hai?’

'E' che ho una sorta di sensazione qui - mi indico poco sotto il seno - appena metto qualcosa in bocca, sento di dover vomitare.’ dico.

'Si chiamano farfalle nello stomaco.'

'No, si chiama nausea.'

'A dirla tutta, si chiama 'non volevo andasse a finire così', ma suppongo che anche 'nausea' vada bene.'

Oggi faccio diciassette anni e sono triste da far schifo.
Mio padre è in Messico per questioni lavorative e non tornerà prima del 26,
Sofia non c’è.
Kiara ha un matrimonio e Federica è in Svizzera da suo padre.
Lui che mi invia ‘Auguri scema <3’ in chat su Facebook invece di inviarmi un messaggio, io che gli rispondo male, lui che mi cancella dagli amici.
Il ciclo.

Insomma, iniziamo bene.

Anche solo per un attimo, 

ma sai, che ci ho creduto in noi. 

Ieri ho ceduto e gli ho inviato un messaggio dicendogli ‘addio’ e scrivendo tutto ciò che non avevo mai avuto il coraggio di dirgli.

Ha risposto dicendo ‘tu non hai rovinato niente, sono io che ho rovinato tutto poi tu ti stai sempre sulle tue e io ho iniziato a stare con me’

Poi, non contento, mi ha chiamata.

Mi dice che non mi ha presa in giro (poco ci credo), che quando si ascolta la musica gli passano gli audio che gli inviavo la notte e lui li ascolta, ancora.

Mi dice ‘Gli altri non capiscono cosa sei per me’

No, diocristo, io così non ce la faccio.

E’ un telefilm e si chiama ‘My mad fat diary’.

Ma spero che lei ti renda felice, davvero.

Quella foto di voi due insieme è stata di aiuto, in un certo senso.
Perché conferma le mie ‘aspettative’, conferma il fatto che tu fossi un coglione ed io devo assolutamente lasciarti perdere.

Carino che sei però a continuare a tenere il braccialetto che ti ho regalato…
No, scherzo.
Dovevi scattare, ti doveva andare a fuoco il polso!